Idioma di S. Elena Sannita, Molise

0 Flares Filament.io 0 Flares ×
Questa sezione nasce dalla mia passione per l’origine delle parole in generale e, in particolare, per quelle apprese nel mio paese natale. Di seguito alcune frasi e parole elencate a mo’ di alfabeto. È una sezione in ‘progress’ che sarà ampliata ulteriormente.
#A #B #C #D #E #F #G #H #I #J #L #M #N #O #P #Q #R #S #T #U #V #Z #Nomi

Carmine Mario Muliere, Panorama di S. Elena Sannita - IS, fotografia - 2006

Carmine Mario Muliere, Panorama di S. Elena Sannita – IS, fotografia – 2006

Quando tornavamo al Paese in estate o per le ricorrenze festive, e incontravamo le persone del posto, il dialogo era per tutti, questo:

-Bongiorn, chia si’? A chi apparti’?
-Songh lu figlij d(e) Turill d(e) Ruccacchill e d(e) Teresina d(e) Tonn.
-Chinta si’ bill, Dij t(e) b(e)n(e)dica! Stat(e) tutt bbuon(e)!
-Sì, grazie!
-Chess è le megl!
-Quann si’ arr(e)vet(e)? T(e) tratti’ nu poch(e)? Quann t(e) na r(e)vè?
-Statt(e) bbuon(e), m’arraccumann, salutem(e) a mamm(e)ta e a tutt quant(e).

-Buongiorno, chi sei? Chi sono i tuoi genitori?
-Sono figlio di Salvatore Muliere (Ruccacchill) e Teresina Stasio (de Tonn).
-Come sei bello, Dio ti benedica! State tutti bene!
-Sì, grazie!
-È la miglior cosa!
-Quando sei arrivato? Rimani un po’? Quando riparti?
-Stammi bene, mi raccomando, salutami tua mamma e tutta la famiglia.

Altre frasi ed espressioni che mi ricordo

Songh(e) d(e) Sant’Elena Sannita – Sono di Sant’Elena Sannita.

Statt(e) zitt e qujet(e), n’hah mangh sciata’. Zitto e quieto, non devi nemmeno respirare.

Anna qua – Vieni qui.

Annant(e) e arret(e) – Avanti e indietro.

Jenn(e) menenn(e) – Avanti e indietro.

Ciucc d(e) massaria – Ciuco di masseria.

N’è cchiù iss(e) – Non è più lui! (Sragiona).

È sciut(e) lu timp – È finalmente bel tempo.

Meh, femm(e)n(e) ji! – Ora fammi andare!

T(e) vussa – Ti spinge.

N(e)’n t(e) straccà! – Non stancarti!

J(e)m(e) chian(e) chian(e) – Andiamo adagio

T(e) n’addun(e)? – Te ne accorgi?

T(e) stann sequ(e)tann(e)? – Ti stanno inseguendo?

Ch(e) t(e) pozzan(e) accid(e) – Che te possano uccidere!

T(e) pozzan(e) ‘mbenn! – Ti possano appendere!

T’arrinn cund(e)? – Ti rendi conto?

Che cazz(e) aja fa’! – Cosa posso fare!

Vi’ subb(e)t(e)! – Vieni subito!

Lu ciavon(e) n’accaficchia cubill! – Costui non comprende niente!

As(e)n sbarlsat(e) – Sei un asino senza basto.

Sint a me! – Ascoltami!, Dammi retta!

Stett attint! – Stai attento!

T’a r(e)cacc – Ti do’ un soprannome

T’a r(e)facc – Ti rassomiglio

All’intrasatt – All’improvviso

Mo pur(e) l(e) puc(e) tinn(e) la tossh. – Ora anche le pulci hanno la tosse.

Quand(e) lu diàvr(e) t’accarézza, vo’ l’anima. Quando il diavolo ti accarezza, vuole l’anima.

Sénza sold(e) nz(e) cànda méssa. – Senza soldi non si canta messa.

Addó arriv chiand(e) lu p(e)zzuch. – Dove arrivo, pianto il piolo.

Chi pècura z(e) fa, lu lupe z(e) la magne. – Chi pecora si fa, il lupo lo mangia.

Fa lu féss(e) p(e) nnjì a la uèrra. – Fa il fesso per non andare in guerra.

La parola n’è com(e) s(e) dic(e), ma com(e) s’ndenne. La parola non è come si dice, ma come s’intende.

T(e) n(e) vu ij o no! – Vuoi andartene o no!

C(e) n’ema ij o no! – Vogliamo andare o no!

Lu diavr(e) l(e) fa e pu’ l’accocchia! – Il diavolo li fa e poi l’accoppia!

Teng teng – Reggo reggo (mi controllo…).

0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 LinkedIn 0 Filament.io 0 Flares ×