MagicaMente PUCCI

In primo piano

Storie e sviluppi di un maestro d’arte fotografica

Layout 1

Proposta nell’ambito dell’Estate Nettunense 2017, patrocinata dal Comune di Nettuno, allestita nelle due Sale al piano terra, e nel Portico di destra del Forte Sangallo, la mostra MagicaMente PUCCI. Storie e sviluppi di un maestro d’arte fotografica è un focus sul fotografo e artista romano Sergio Pucci. È un percorso narrato e visivo incentrato su aspetti e temi caratterizzanti la sua lunga e prolifica carriera professionale iniziata nel 1954. Le opere sono selezionate in particolare da I ritratti, L’architettura – con una sezione speciale ex novo dedicata al Forte e a Nettuno – Le sperimentazioni e I documenti tratti dall’Archivio Fotografico PUCCI, istituito a Roma nel 2015.

«Sergio Pucci sorprende. Estrae con abilità da oggetti comuni forme sorprendenti, oniriche e magiche, fuoriuscite improvvise dal suo tipico berretto con visiera… Dalla sua mente fervida in perenne movimento.
Pesi nastri pettini uova elementi naturali e d’architettura – smaterializzano e riducono ai minimi termini, come numeri primi, ogni sua matematica magia, ogni sua performance fotografica. L’occhio esperto raccoglie dal reale immagini inedite, la camera oscura è teatro della sua valente manualità di fotografo di altri tempi, e Maestro d’Arte. Di attualissimo sperimentatore.
Sergio Pucci racconta. Elabora con ironia storie visive: sequenze di uno spettacolo itinerante, mai uguale ad ogni replica, e sempre gratuito. Per il puro piacere della compagnia di spettatori, ed amici». [ E. Bianchi ]


Sergio Pucci è nato a Roma nel maggio del 1934. Diplomatosi all’Istituto d’Arte con il Maestro Libero Ferretti, riceve nel 1954 l’incarico per l’insegnamento della Fotografia Artistica, fino al 1972, e della direzione del Laboratorio Fotografico all’ISIA romana – Istituto Superiore Industrie Artistiche, fino al 1994. All’insegnamento affianca la professione di fotografo, specializzato nel ritrarre artisti, opere ed eventi d’arte contemporanea.

Dagli esordi ad oggi coltiva un costante interesse per l’uso artistico e sperimentale dell’immagine fotografica, come strumento ideale a cancellare il reale apparente per evidenziare il reale oggettivo.

Sergio Pucci è da oltre sessant’anni attivo nel mondo dell’arte da un doppio punto di vista, documentario e creativo. Instancabile indaga e ne cattura fotograficamente l’evoluzione, esprimendosi anche al suo interno con molteplici lavori ordinati in serie, ed insoliti progetti tra comunicazione visiva e design. Fedele osservatore della realtà nella vita quotidiana è esponente ed unico fotografo, della MEC-Art italiana, arte meccanica in direzione e oltre la fine della pittura tradizionale, sin dal 1969.

L’attività espositiva è iniziata nel 1967 alla Galleria Cadario di Roma, e prosegue con numerose personali e collettive. Italo Mussa, Giuseppe Gatt, Guido Strazza, Achille Pace, Paolo Finizio, Francesco Vincitorio, Guido Montana, Giorgio Di Genova, Arturo Bovi, Flavio Caroli, Mirella Bentivoglio, Paolo Balmas, Lucilla Meloni, Roberto Lambarelli, Maria Rita Intrieri, Francesco Angelini, Nicola Carrino, Giuseppe Giampaoli, Simona Corsetti, Alessandro Califano hanno scritto e condiviso con il Maestro Pucci immagini, e parole.


-Sede: Nettuno, Forte Sangallo 8 – 20 Agosto 2017
-Inaugurazione: martedì 8 agosto ore 18.30; ore 21.30 proiezione video di Carmine Mario Muliere
-Promozione e Organizzazione: Fondazionecmm e Archive aux Arts
-Patrocinio: Comune di Nettuno – RM
-Progetto e cura: Elisabetta Bianchi
-Progetto grafico: Carmine Mario Muliere
-Realizzazione: Sergio Pucci
-Collaborazioni: Vittoria Capponi e Anna Rita Ciulla, Comune di Nettuno; Maria Carmela Giordano e Yasmin Pucci
-Ufficio stampa: EQUIPèCO redazione – redazione@equipeco.org
-Comunicazione: Alessandro Califano e Carmine Mario Muliere
-Orari: Da Martedì a Domenica ore 9.30-12.30 / 17.00-21.00
-Ingresso: Gratuito.
-Info: archifoto.pucci@libero.it – www.sergiopucci.com – info@fondazionecmm.org
– www.fondazionecmm.org – www.archiveauxarts.com
-Contatti: Ufficio cultura Nettuno, tel. 06 98889319
-Media Partner: EQUIPèCO – www.equipeco.org

In Area Stampa di FONDAZIONECMM si possono scaricare i pdf: Invito, Comunicato Stampa, Testi.
Per qualsiasi altra richiesta: 06 9570723 – info@fondazionecmm.org

Una lezione di Michele Smargiassi

Dalla bambina del Napalm al piccolo Alan Kurdi
Le fotografie della strage degli innocenti

Sabato 19 novembre al Foro Boario di Modena

Michele Smargiassi

Michele Smargiassi

Modena – Inguardabili e continuamente mostrate, le immagini della sofferenza dei bambini sono un genere speciale e controverso del foto-giornalismo. Il bambino, vittima speciale, vittima assoluta, sembra l’ultima risorsa della coscienza indignata. Lo è davvero? Le intenzioni di chi ci mostra la sofferenza dei piccoli sono davvero sempre solo di denunciare l’ingiustizia del mondo? E la lettura di quelle immagini produce sempre solo coscienza di quell’ingiustizia?

Sabato 19 novembre, alle ore 17, Michele Smargiassi affronterà questi temi in un incontro pubblico al Foro Boario di Modena, organizzato a margine della mostra sui migranti promossa da Fondazione Fotografia ‘Lying in Between. Hellas 2016’ : dalla storia dell’arte ai rotocalchi, dalle foto del Vietnam a quelle dell’esodo dei rifugiati, il suo intervento sarà sostenuto da una carrellata d’immagini “che possono turbare la sensibilità” di chi guarda, come quella della bambina colpita dal Napalm e quella, più recente, del piccolo Alan Kurdi. L’incontro è a ingresso libero.

Giornalista per La Repubblica, Michele Smargiassi si occupa da molti anni di storia della fotografia e di cultura dell’immagine. Ha creato e gestisce il blog Fotocrazia. Fa parte del comitato scientifico del Centro Italiano per la Fotografia di Bibbiena e di quello della Fondazione Nino Migliori. Oltre a numerosi testi per libri, mostre, riviste, ha pubblicato: Un’autentica bugia. La fotografia, il falso, il vero (Contrasto, 2009) e Ora che ci penso. La storia dimenticata degli oggetti quotidiani (Dalai, 2011) e il saggio La famiglia foto/genicaper gli Annali della Storia d’Italia Einaudi. Vive a Modena.


La mostra fotorgafica ‘Lying in Between’ rimarrà allestita al Foro Boario di Modena fino all’8 gennaio 2017.
Ingresso libero.
Orari: mercoledì-giovedì-venerdì 15-19, sabato-domenica 11-19, chiuso lunedì e martedì.
Prossime visite guidate (su prenotazione): sabato 3 dicembre, ore 15; sabato 7 gennaio, ore 15.
Info: mostre@fondazionefotografia.org

Ufficio stampa e comunicazione
Cecilia Lazzeretti
Fondazione Fotografia Modena
Tel. 059 239888

60 su 80: Sergio Pucci, fotografo. Una vita per l’arte

Layout 1
Organizzata nella Biblioteca del CRDAV Centro Ricerca e Documentazione Arti Visive
situata al primo piano del museo MACRO,
via Reggio Emilia 54 Roma
Apertura: 14 ottobre 2014 alle ore 17:00
Fino al 28 febbraio 2015

#OMAGGIO ALLA CARRIERA #NEOREALISMO #ARCHITETTURA #RITRATTI DI ARTISTI
#PITTURA COLLAGE INCISIONI #SPERIMENTAZIONE CONCETTUALE
#SPERIMENTAZIONE IN CAMERA OSCURA #DOCUMENTAZIONE Continua a leggere